Fatturazione elettronica e regime forfettario

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Hai una Partita Iva in regime forfettario? Probabilmente saprai che, a partire da gennaio 2024, anche per i forfettari vige l’obbligo di fatturazione elettronica.

Se vuoi scoprire come emettere e ricevere le tue fatture elettroniche facilmente, continua a leggere questo articolo. Stiamo per spiegarti tutto quello che c’è da sapere sul tema fatturazione elettronica e regime forfettario.

Noi di DirittodelWeb mettiamo a tua disposizione il nostro servizio di consulenza fiscale e legale online. Contattaci per ricevere assistenza per l’emissione delle fatture elettroniche e per usufruire del nostro servizio di fatturazione elettronica.

Fatturazione elettronica obbligatoria per i forfettari

Come previsto dal Decreto Legge n. 36 del 2022, a partire dal 1° gennaio 2024, tutti gli operatori economici, anche quelli in regime forfettario, sono sottoposti alla normativa in tema di fatturazione elettronica mediante Sistema di Interscambio (SdI).

Per i titolari di Partita Iva in regime ordinario l’obbligo di fatturazione elettronica è già in vigore dal 2019, come ti abbiamo illustrato nell’articolo Partita Iva e fattura elettronica.

L’estensione della fatturazione elettronica anche ai forfettari è giustificata dalla lotta, perseguita dall’Agenzia delle Entrate, alla frode e all’evasione dell’IVA.

Infatti, con la fatturazione elettronica si possono conseguire alcuni vantaggi. Con il sistema elettronico è più agevole avere un quadro completo delle fatture emesse da tutti i soggetti passivi. Inoltre, è più semplice verificare la sussistenza dei requisiti e delle condizioni da parte di questi soggetti per potersi avvalere di eventuali agevolazioni fiscali.

Quindi, dal punto di vista pratico, cosa fare a seguito dell’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica se sei in regime forfettario? Continua a leggere questo articolo!

Fatturazione elettronica per forfettari: cosa fare

Se hai una Partita Iva in regime forfettario, hai due alternative per adempiere l’obbligo di fatturazione elettronica.

La prima è quella di utilizzare il servizio gratuito messo a disposizione dall’Agenzia delle entrate “Fatture e Corrispettivi”, presente sul tuo cassetto fiscale.

In alternativa, puoi dotarti di un software di fatturazione a pagamento. I software sul mercato prevedono un costo mensile o annuale, generalmente contenuto. In questo modo, sarai guidato nel processo di emissione delle fatture, che risulterà semplice. Inoltre, potrai beneficiare di una serie di servizi aggiuntivi, come il calcolo del fatturato, la gestione degli incassi, la predisposizione di preventivi e altri.

Noi di Diritto del Web  abbiamo stipulato, per i nostri clienti, una convenzione con Bluenext, una software house specializzata nell’offrire soluzioni informatiche alle imprese. Scegliendo questa soluzione, ci occuperemo direttamente noi di creare il tuo nome utente per accedere e utilizzare, in cloud o in remoto, il software di fatturazione.

Così tu potrai compilare le tue fatture e trasmetterle direttamente all’Agenzia delle Entrate. Inoltre, avremo accesso alla tua piattaforma di fatturazione per supportarti in caso di necessità. Contattaci per conoscere i costi di questo servizio. 

Come emettere la fattura elettronica

Per emettere la fattura elettronica, anche in caso di regime forfettario, ti occorre un software in grado di codificare la fattura in formato XML e di inviarla al Sistema di Interscambio (SdI). In automatico, la fattura sarà poi recapitata al cliente e all’Agenzia delle Entrate per conto tuo.

Successivamente dovrai compilare la fattura elettronica. Alcuni campi sono uguali a quelli delle fatture cartacee, altri sono diversi. Infine, è necessario apporre la firma digitale e inviarla al SdI.

Gli obblighi legati alla fatturazione sono tanti e differenziati per ogni tipologia di attività. Affidati ad un professionista per non sbagliare.

Autofatture elettroniche per fatture estere

Per quanto riguarda le fatture d’acquisto, è previsto l’invio di un documento elettronico, la cosiddetta autofattura, per ogni acquisto effettuato dall’estero, entro il giorno 15 del mese successivo alla data della fattura estera d’acquisto. Per esempio, per le fatture di Gennaio 2024 entro il 15 Febbraio.  

Si dovranno emettere, quindi, tante autofatture elettroniche quante sono le fatture d’acquisto ricevute da soggetti esteri.

I dati delle operazioni transfrontaliere devono essere trasmessi al Sistema di Interscambio (SdI) con il formato del file fattura elettronica. È stato soppresso l’obbligo di trasmissione trimestrale dei dati delle predette operazioni, il cosiddetto “esterometro”.

Questa novità implica che, oltre al procedere al versamento dell’IVA Reverse Charge entro il 16 del mese successivo a quello di ricezione delle fatture estere, sarà necessario emettere un documento elettronico, per informare l’Agenzia di tale acquisto dall’estero.

Quando emettere la fattura

Se sei in regime forfettario, devi rispettare gli stessi termini di emissione della fattura elettronica previsti per gli altri contribuenti. Per la fattura elettronica immediata, l’emissione deve avvenire entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione a cui il documento stesso si riferisce. In caso di fattura elettronica differita, devi emettere il documento entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

Ricorda che, in caso di invio tardivo della fattura, sono previste delle sanzioni pecuniarie.

Può essere stabilito il versamento tra il 5% e il 10% dell’imposta dei corrispettivi non documentati o non registrati. Oppure il pagamento di una somma da 250 a 2.000 € se la violazione non ha inciso sulla corretta liquidazione del tributo.

Come ricevere le fatture elettroniche

Puoi ricevere le tue fatture elettroniche dai fornitori nella tua casella PEC, se fornisci il tuo indirizzo di Posta Elettronica Certificata. Puoi riceverle anche nell’area riservata del sito web dell’Agenzia delle Entrate. Infine, nel software di fatturazione, se fornisci il codice SdI del tuo software.

Noi di DirittodelWeb mettiamo a tua disposizione il nostro servizio di consulenza fiscale e legale online. Contattaci per ricevere assistenza per l’emissione delle fatture elettroniche e per usufruire del nostro servizio di fatturazione elettronica.

Conclusioni e consigli

Hai dei dubbi? Scrivici nei commenti, ti risponderemo!

Siamo sempre a disposizione se vuoi ricevere una consulenza.
Contattaci tramite il form che trovi qui sotto!

Vuoi saperne di più?

marchio registrato

Avvocati e commercialisti
del mondo digitale.

Servizi