Chiusura Partita Iva

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Vuoi chiudere la Partita Iva, perché hai cessato la tua attività? Ci sono alcune pratiche da svolgere.

Infatti, per la chiusura della tua Partita Iva, devi sostenere dei costi e occuparti di alcuni adempimenti burocratici e fiscali. Niente paura! Possiamo occuparci noi per te di queste pratiche e di presentare la tua Dichiarazione dei Redditi.

Noi di DirittodelWeb mettiamo a tua disposizione il nostro servizio di consulenza fiscale e legale online. 

Pratiche di chiusura della Partita Iva

Le pratiche di chiusura della Partita Iva cambiano a seconda della Gestione Inps a cui è iscritta la Partita Iva e se questa è iscritta in Camera di Commercio. In caso di iscrizione alla Gestione Separata Inps, senza iscrizione in Camera di Commercio, dovrai limitarti a effettuare la pratica di chiusura presso l’Agenzia delle Entrate e la chiusura della posizione Inps.

Al contrario, se la Partita Iva è iscritta alla Gestione Artigiani e Commercianti non basterà la pratica di chiusura all’Agenzia delle Entrate. Dovrai provvedere anche alla chiusura della Partita Iva in Camera di Commercio e alla cancellazione dall’Inps. Potrai svolgere insieme queste tre pratiche usufruendo del portale Com. Unica. Ricorda che dovrai effettuare anche la segnalazione di Cessazione attività al Comune, se l’attività necessitava della S.C.I.A. in fase di apertura.

Ti stai chiedendo quanto costa chiudere la tua Partita Iva? Continua a leggere questo articolo per scoprirlo!

Chiusura Partita Iva e costi

Quali sono i costi in caso di chiusura della Partita Iva? Se la tua Partita Iva è intestata a una persona fisica ed è iscritta in Camera di Commercio, i costi non sono molto alti e la pratica è abbastanza semplice. Cosa dovrai pagare? Prima di tutto il costo della pratica, che ti addebiterà il commercialista. Poi, i diritti da versare in Camera di Commercio. Si tratta di 19,50 euro nel caso di un’impresa individuale. Infine, il costo della segnalazione al Comune di Cessazione attività, se l’attività necessitava della S.C.I.A. in fase di apertura, varia a seconda del Comune di riferimento.

Redditi generati e chiusura della Partita Iva

Se hai avuto la Partita Iva, anche solo per un breve periodo, devi fare la Dichiarazione dei Redditi. Anche se sei un lavoratore dipendente devi adempiere a quest’obbligo. Non puoi limitarti al 730!

Gli adempimenti fiscali legati alla tua Partita Iva termineranno solo dopo che avrai pagato le imposte e gli eventuali contributi. Quindi, non dimenticare di fare la Dichiarazione dei Redditi, anche se hai chiuso la Partita Iva! Contattaci e ci occuperemo noi della tua Dichiarazione dei Redditi.

Chiusura Partita Iva e acconti

Se chiudi la tua attività e la Partita Iva, come devi comportarti con gli acconti? Ti premettiamo che gli acconti si calcolano sul fatturato dell’anno precedente, operando un calcolo storico.

Se durante l’anno cessi la tua attività, come devi regolarti con gli acconti? Hai due possibilità.

Puoi, in primo luogo, decidere di non versare gli acconti. Infatti, se chiudi la Partita Iva, il tuo fatturato dell’anno successivo sarà pari a zero e quindi gli acconti non saranno dovuti. Al contrario, se hai già versato gli acconti, potresti vantare un credito nei confronti dell’Agenzia delle Entrate. In questo caso, fai la Dichiarazione dei Redditi e chiedi il rimborso all’Agenzia delle Entrate. Ricorda di inserire il tuo Iban, così riceverai il rimborso sul tuo conto corrente non appena sarà emesso.     

Se hai dubbi sulla chiusura della tua Partita Iva contattaci. Noi di DirittodelWeb possiamo occuparci di tutte le pratiche prescritte dalla legge.

Conclusioni e consigli

Hai dei dubbi? Scrivici nei commenti, ti risponderemo!

Siamo sempre a disposizione se vuoi ricevere una consulenza gratuita.

Contattaci tramite il form che trovi qui sotto!

Vuoi saperne di più?

marchio registrato

Avvocati e commercialisti
del mondo digitale.

Servizi