Aprire una società: cosa devi sapere

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Aprire una società è il mezzo per l’esercizio dell’impresa in forma collettiva e, a partire dalla riforma del 2003, anche in forma individuale, limitatamente alle s.r.l. e alle s.p.a.

Ma cosa devi sapere se vuoi aprire una società? Quali sono gli step da seguire? Continua a leggere il nostro articolo per scoprirlo!

Noi di DirittodelWeb mettiamo a tua disposizione il nostro servizio di consulenza fiscale e legale online. Contattaci se vuoi aprire una società. Ti illustreremo gli adempimenti fiscali e legali necessari e i costi di apertura e gestione.

Società e requisiti

Aprire una società è cosa ben diversa e complessa rispetto a possedere una Partita Iva individuale. Tuttavia, i vantaggi legati all’apertura di una società possono essere numerosi se intendi dare una veste più strutturata al tuo business. Inoltre, è una scelta obbligata nel caso in cui tu decida di avviare un’attività con dei soci.

Ma cosa non può mancare in una società? In altre parole, quali caratteristiche devono necessariamente sussistere?

I requisiti essenziali perché si possa costituire una società sono tre: i conferimenti, l’esercizio in comune dell’attività economica e la partecipazione agli utili. 

I conferimenti

Per conferimento si intende un atto a titolo oneroso con cui il socio apporta beni o il proprio lavoro personale, a seconda di quanto stabilito in sede di costituzione della società.

I conferimenti possono essere di vario tipo: di danaro, di beni in proprietà o in godimento, di crediti, della propria opera. In quest’ultimo caso, il socio d’opera si impegna a eseguire una prestazione di lavoro, cioè, conferisce servizi. Ricorda che non vi è società se i soci non conferiscono e non vi è acquisto della qualità di socio senza conferimenti.

L’esercizio in comune dell’attività economica

Il secondo requisito essenziale della società è l’esercizio in comune di un’attività economica. La società è, infatti, un’organizzazione dinamica e produttiva, cioè a contenuto patrimoniale, condotta con metodo economico e finalizzata allo scambio di beni o servizi. Storicamente, la società nasce per l’esercizio dell’impresa in forma collettiva.

L’attività economica deve essere esercitata in comune sia nel momento deliberativo, perché spetta ai soci il potere di determinare l’attività sociale, sia nel momento esecutivo, poiché l’atto sociale riguarda tutti i soci e fa ricadere su di essi i suoi risultati positivi o negativi.

L’oggetto sociale rappresenta la particolare attività economica per il cui esercizio le parti coinvolte nella società si impegnano ai conferimenti.

L’indicazione dell’oggetto sociale nel contratto è richiesta espressamente dalla legge per tutti i tipi di società, eccetto che per la società semplice.

L’oggetto sociale deve essere possibile, lecito, determinato o determinabile e deve consistere in un’attività economica ex articolo 2247 c.c. Può cambiare durante la vita della società, ma tale mutamento implica anche la modificazione dell’atto costitutivo societario.

La partecipazione agli utili

Infine, scopo dell’attività sociale deve essere quello di realizzare un profitto. È il cosiddetto lucro oggettivo, che poi deve essere diviso tra i soci ed è qualificato come lucro soggettivo.

Tuttavia, se è essenziale per la società la divisione degli utili, ciò non significa che ciascun socio debba parteciparvi in uguale misura e neppure che debba sussistere una proporzione tra conferimento e partecipazione agli utili.

L’unico limite in tal senso è il divieto del patto con il quale uno o più soci vengono esclusi totalmente da ogni partecipazione agli utili o alle perdite. Si tratta del divieto del patto leonino.

Ma quanti tipi di società esistono? E quale tipo scegliere se vuoi aprire una società?

Tipi di società: come scegliere

La scelta del tipo di società è rimessa alla volontà delle parti. Tuttavia, i privati non possono creare nuovi tipi societari rispetto a quelli espressamente previsti dalla legge. Per aprire una società, puoi scegliere, quindi, fra i diversi tipi individuati dal codice civile.

Come scegliere il tipo di società? Partiamo col dire che puoi adattare alle tue esigenze gli schemi societari previsti dalla legge. In che modo? Attraverso l’introduzione di clausole atipiche, che non siano in contrasto con norme imperative e che non modifichino gli elementi essenziali del tipo societario prescelto.

Rivolgiti a uno studio di commercialisti e avvocati esperti, che ti consiglieranno la forma societaria più adatta alle tue esigenze e più conveniente dal punto di vista fiscale. Contattaci se vuoi aprire una società.

Società di persone e società di capitali: caratteristiche e adempimenti

Le società possono classificarsi in due grandi gruppi, a seconda che risultino organizzate su base personale o su base capitalistica. Si parla di società di persone e di società di capitali.

Vuoi aprire una società e non sai quale scegliere?

Analizziamo in breve le caratteristiche principali che contraddistinguono queste tipologie societarie.

Le società di persone si distinguono in società semplice, società in nome collettivo e società in accomandita semplice.  Per la costituzione delle società di persone non è previsto il versamento di un capitale minimo. Queste società, che si basano sulla forza lavoro di soci e dipendenti, non sono dotate di personalità giuridica. Questo significa che i soci non sono soggetti giuridici distinti dalla società, ma il loro patrimonio si “confonde” con quello della società. La società non ha un patrimonio separato da quello dei soci. I soci rispondono verso i terzi illimitatamente con il loro patrimonio personale e solidalmente, anche per le obbligazioni contratte da altri soci per la società, ad eccezione degli accomandanti che rispondono nei limiti della quota conferita.

Si parla, infatti, di autonomia patrimoniale imperfetta. Per quanto riguarda gli adempimenti fiscali, nelle società di persone il reddito della società viene attribuito direttamente ai soci, indipendentemente dalla sua distribuzione. Quindi ogni socio deve dichiarare la sua quota di reddito nella sua dichiarazione personale. Ricordiamo, infine, che in questo caso non c’è mai distribuzione dei dividendi, perché ogni socio è tassato per la sua quota detenuta nella società.

Le società di capitali si distinguono, invece, in società per azioni, società a responsabilità limitata, società a responsabilità limitata semplificata e società in accomandita per azioni. Caratteristica di queste società è il loro capitale, su cui essenzialmente si basano.

Per la loro costituzione è previsto il versamento di un capitale minimo. In caso di S.r.l. è di 10.000 euro. Per la S.r.l.s. è previsto un capitale minimo di 1 euro. Se vuoi approfondire il tema delle S.r.l. e delle S.r.l.s., ti suggeriamo la lettura di questo articolo.

Nelle società di capitali, i soci sono soggetti giuridici separati dalla società. Questa è titolare di diritti e obblighi e risponde nei confronti dei terzi.

Le società di capitali godono di autonomia patrimoniale perfetta. Spieghiamo questo concetto. La società è titolare di diritti e obblighi e risponde nei confronti dei terzi con il suo patrimonio separato. I soci rispondono delle obbligazioni sociali soltanto nei limiti della quota conferita. Questo significa che i creditori del socio non possono soddisfarsi sul patrimonio sociale e che i creditori della società – detti sociali – non possono aggredire i patrimoni personali dei soci in caso di eventuali debiti contratti dalla società.

Per quanto attiene agli adempimenti fiscali, la società di capitali è tenuta al pagamento dell’IRES (aliquota 24% sul margine netto) e dell’IRAP (aliquota variabile dal 3,5% al 5% a seconda delle regioni). È possibile la distribuzione dei dividendi. È opzionale e in tal caso il socio subisce una ritenuta alla fonte pari al 26% a titolo di imposta. Per questo motivo è fondamentale un’attenta pianificazione fiscale da parte del commercialista per ridurre il carico impositivo.

In caso di apertura di una società, è fondamentale rivolgersi a un commercialista esperto in pianificazione fiscale per risparmiare sulle imposte, ottimizzando il carico fiscale della tua società.

Vuoi saperne di più? Contattaci per aprire una società.

Conclusioni e consigli

Hai dei dubbi? Scrivici nei commenti, ti risponderemo!

Siamo sempre a disposizione se vuoi ricevere una consulenza.
Contattaci tramite il form che trovi qui sotto!

Vuoi saperne di più?

marchio registrato

Avvocati e commercialisti
del mondo digitale.

Servizi