account amazon sospeso bloccato disattivato

ACCOUNT AMAZON BLOCCATO – COME SBLOCCARLO

Hanno bloccato il tuo account e nonostante i molti tentativi di metterti in contatto con l’assistenza di Amazon non sei riuscito a risolvere il tuo problema?

Vediamo in questo articolo come strutturare la migliore strategia per sbloccare velocemente e con successo il tuo account, qualora tu abbia un account bloccato, un account sospeso o un account disattivato.

Andiamo innanzitutto a vedere i due casi principali in cui un account Amazon viene bloccato, sospeso o disattivato:

Nuova iscrizione e Blocco account Venditore (copyright, contraffazione, account correlato).

account amazon sospeso bloccato disattivato
Indice

 

Nuova Iscrizione

La prima ipotesi di blocco, si può verificare subito dopo l’iscrizione come venditore Amazon: in questo caso il profilo venditore viene bloccato nel giro di brevissimo tempo, senza nemmeno aver avuto la possibilità di incominciare a vendere.

Nella maggior parte dei casi, questa situazione si verifica a causa di un bug di Amazon che non riesce a leggere i documenti richiesti e caricati in fase di registrazione e di una successiva inattività da parte dei dipartimenti venditori e performances.

Se ti ritrovi in questa ipotesi, probabilmente, avrai ricevuto una e-mail da parte di Amazon che, in maniera generica, ti ha riferito che il profilo o i documenti caricati non rispettano le politiche di Amazon.

Ad oggi, entrando nel tuo seller central e aprendo un reclamo l’assistenza interna ad Amazon dovrebbe aiutarti a risolvere il problema, senza la necessità di un nostro aiuto.

Ovviamente, nel caso in cui il problema persista potrai sempre contattarci per una consulenza gratuita.

Detto ciò, resta implicito che nel caso in cui tu voglia aprire un account Amazon pro oppure passare da un account Amazon base ad uno pro, dovrai innanzitutto aprire una partita iva ed ottenere la visura camerale dalla camera di commercio (per conoscere tutti i passaggi necessari per vendere online in forma professionale, ti rinvio a questo articolo).

Blocco Venditore Amazon

La seconda ipotesi di blocco è quella che può colpirti se sei già concretamente un venditore Amazon.

Per i venditori effettivi, la sospensione, disattivazione o il blocco dell’account, possono derivare da una molteplicità di casi che, più difficilmente riguarderanno un errore dell’algoritmo di Amazon, bensì la violazione dei termini contrattuali di vendita di Amazon stessa.

Ovviamente, anche in questa ipotesi nulla va lasciato al caso, non potendo escludersi né una tua possibile infrazione, volontaria o meno, dei termini contrattuali di Amazon, né un errore da parte di Amazon nell’interpretazione di determinati comportamenti posti in essere durante la tua attività di vendita.

In questo secondo caso, quindi, bisognerà agire andando ad analizzare da un punto di vista tecnico-legale le condotte avute rispetto alle politiche di comportamento richieste da Amazon.

Ad oggi, i casi più frequenti di blocco, sospensione o disattivazione dell’account Amazon, riguardano:

  1. Violazione del copyright;
  2. sospetta contraffazione dei prodotti;
  3. account correlato.

Analizzate le ragioni del blocco, della sospensione o disattivazione, quindi, bisognerà procedere caso per caso, con strategie studiate rispetto al singolo caso.

Infatti, il tuo account Amazon potrebbe essere stato bloccato, sospeso o disattivato, sia per violazione del copyright, per contraffazione dei prodotti, per account correlato o per una ragione ulteriore, ma a ciò bisognerà anche andare ad aggiungere le ragioni ulteriori e specifiche che ti riguardano, al fine di strutturare una strategia appropriata per ottenere lo sblocco.

Proprio per darti il miglior servizio possibile ed una competenza a 360°, affidandoti a noi avrai a disposizione due tipologie di attività:

  • un dialogo con il dipartimento legale avviato da un avvocato di Diritto del Web, che agirà per tuo nome e conto, grazie al quale si aggireranno i dipartimenti venditore e performances, in favore del dipartimento legale, che, se correttamente sollecitato, farà pressione sui dipartimenti competenti al fine di sbloccare e riattivare il tuo account;
  • strutturando un analitico “piano d’azione” e/o ricorso interno al seller central, redatto da “Impatt0”, account manager di Amazon di lunga esperienza, i quali conoscono come agire nei confronti dei dipartimenti competenti.

Il Piano d’Azione: come impostarlo.

Il piano d’azione è una richiesta avanzata da Amazon che prevede la redazione da parte del venditore di un piano nel quale andranno indicate:

– Le cause principali della violazione.

– Le azioni adottate per risolvere il problema.

– Le misure intraprese per evitare il ripetersi della violazione in futuro.

In questo caso, il piano d’azione può diventare un’ottima arma per essere ascoltati ed ottenere lo sblocco.

Dovrai, però, fare attenzione, poiché il piano dovrà essere coinciso e sintetico, ma allo stesso tempo non dovrai tralasciare nulla circa le cause del blocco e le azioni adottate.

Il presupposto per un buon piano d’azione è pensare sempre che ti stai rivolgendo ad una persona che vede decine e decine di piani d’azione e che, probabilmente, non impiegherà molti minuti nella lettura e valutazione del tuo piano d’azione, perciò dovrai cercare di non annoiarlo, rendendogli la lettura quanto più agevoleordinatacompleta e rapida possibile.

Inoltre, la strategia da intraprendere per la redazione del piano d’azione deve essere totalmente diversa rispetto agli altri casi esaminati.

Infatti, se nelle altre ipotesi il problema principale è quello di farsi ascoltare da Amazon, in questo caso abbiamo l’opportunità di parlare direttamente con chi deciderà le sorti del tuo account venditore.

Per tale ragione, se nelle altre comunicazioni potremmo anche valutare insieme di avere un tono piccato, spesso ai limiti del minaccioso, per i danni che Amazon ti sta arrecando a causa del blocco (penso ai mancati guadagni durante il periodo di blocco/sospensione o alle spese di avviamento se decidi di avviare una attività imprenditoriale partendo proprio da Amazon); nel caso del piano d’azione dovrai cercare di essere accomodante e accondiscendente nei toni, persuadendo il tuo interlocutore della serietà delle tue intenzioni nel non ripetere gli errori che ti hanno portato al blocco/sospensione/disattivazione dell’account.

Perché affidarti a noi

  • Perché, anche se per deontologia professionale non ti garantiamo lo sblocco al 100%, abbiamo sbloccato e riattivato la totalità dei profili dei clienti che si sono affidati a noi.
  • Perché non ti chiederemo di entrare nel tuo account.
  • Perché al di là dell’esperienza accumulata in questo settore, essendo avvocati e account manager di Amazon, non solo possiamo analizzare dalla giusta prospettiva legale i termini di contratto sottoscritti con Amazon, anche alla luce della normativa nazionale ed europea, ma sappiamo come relazionarci con i singoli dipartimenti di Amazon, al fine di sollecitare lo sblocco e riattivazione del tuo account.
  • Perché riceverai una consulenza gratuita e personalizzata
  • Perché, nel caso l’unica strada percorribile sia quella di affidarti a noi, in questa attività, come in tutte le altre che portiamo avanti insieme, crediamo che al primo posto ci siano le persone e che non sia giusto chiedere prezzi spropositati.

 

cookie, privacy, adeguamento legale

Normativa cookies

In questo articolo ti spiegheremo in modo breve, chiaro e preciso ciò che c’è da sapere sulla normativa cookies, i possibili rischi e gli errori da evitare. In tal modo potrai ottimizzare il tuo sito web e disporre di cookies a prova di legge

Leggi Tutto »
Registrare marchio

Registrare un Marchio

Scopri come tutelare le tue idee. Registrare un marchio, infatti, significa dare un valore aggiunto al proprio brand e tutelarsi contro gli abusi della concorrenza.

Leggi Tutto »
vendere online, dropshipping, amazon fba, e-commerce

ADEMPIMENTI FISCALI E LEGALI PER VENDERE ONLINE

Nel corso del tempo, nello svolgimento della nostra professione di avvocati e commercialisti specializzati in Business Online, ci siamo resi conto che in ambito di vendite online e in particolar modo quando si tratta di avviare un’attività in dropshipping, esiste molta confusione ed alcuni falsi miti.

Per tale ragione, la redazione di Diritto del Web ha riassunto per te i passaggi fondamentali da seguire per adempiere a tutti gli obblighi legali e fiscali al fine di essere in regola con la normativa italiana e poter vendere in dropshipping o private label.

Leggi Tutto »
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su Twitter
Condividi su linkedin
Condividi su Linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su Pinterest
Lascia un commento